Sei uno Psicologo?

Scopri i servizi studiati appositamente per gli psicologi.

Cerca lo Psicologo

L’ansia da separazione

L’ansia da separazione

I disturbi d’ansia comprendono quei disturbi che condividono caratteristiche di paura e ansia eccessive e i disturbi comportamentali correlati.

La paura è la risposta emotiva ad una minaccia imminente, reale o percepita, mentre l’ansia è l’anticipazione di una minaccia futura.

Questi due stati si sovrappongono, ma, in realtà, sono molto differenti: la paura è una risposta automatica collegata a comportamenti di fuga, mentre l’ansia è associata alla tensione muscolare e a comportamenti di evitamento del pericolo. I disturbi d’ansia sono diversi l’uno dall’altro per la tipologia di oggetti o situazioni che creano paura e ansia.

Molti disturbi d’ansia si sviluppano in età infantile e tendono a persistere se non vengono curati; tra questi ricordiamo il mutismo selettivo, fobia specifica, ansia da separazione.

Il bambino con disturbo d’ansia da separazione è spaventato o ansioso riguardo alla separazione dalle figure di attaccamento a un livello di gravità inappropriato rispetto allo stadio di sviluppo. La caratteristica essenziale del disturbo d’ansia di separazione è una paura o ansia eccessiva riguardante la separazione da casa o dalle figure di attaccamento.

L’ansia va al di là di quella che ci si può aspettare in base all’età del bambino.  I sintomi che riscontriamo in tali bambini sono diversi:

  • Ricorrente ed eccessivo disagio quando vi è la separazione da casa o dalle figure di attaccamento;
  • Preoccupazioni per il benessere o per la morte dei cargiver, tanto da avere un eccessivo controllo;
  • Preoccupazioni riferite a sè stessi, come perdersi, tanto che non vogliono uscire di casa da soli;
  • Non vogliono dormire da soli.

I bambini che soffrono di ansia da separazione hanno appunto difficoltà nell’andare a dormire da soli e pertanto vogliono avere vicino una figura di attaccamento.

A questi sintomi si uniscono quelli fisici, come dolore di stomaco, mal di testa, nausea, vomito per i bambini, mentre per gli adolescenti sono più frequenti palpitazioni, vertigini, sensazioni di svenimento.

I bambini con disturbo d’ansia da separazione quando sono separati dalle figure di riferimento tendono a mostrare ritiro sociale, apatia, tristezza o difficoltà a concentrarsi nel gioco.

A seconda dell’età possono avere diverse paure: paura dei mostri, degli animali, dei buoi, dei ladri. Tale disturbo può portare il bambino a rifiutare di andare a scuola, un rifiuto che innesca un circolo vizioso, in quanto potrebbero insorgere difficoltà scolastiche o addirittura l’isolamento sociale. L’ansia potrebbe poi sfociare in rabbia o aggressività verso coloro che causano la separazione.

Questo disturbo esordisce di solito in torno ad un anno del bambino, ma a volte può manifestarsi anche in età prescolare in coincidenza con l’entrata nella scuola materna. Esso si sviluppa spesso in seguito ad un evento stressante, come un trasloco, cambio di scuola, perdita di un parente o un animale domestico.

Le manifestazioni dell’ansia da separazione variano con l’età e alcune volte possono persistere in età adulta.

Tuttavia, la maggior parte dei bambini con disturbo d’ansia di separazione non sviluppa disturbi d’ansia nel corso della vita.

Dott.ssa Biancone Valentina
Psicologa dello sviluppo
Pagina FB: Dott.ssa Valentina Biancone – Psicologa dello sviluppo

Valid XHTML 1.0 Transitional   CSS Valido!

Sei uno Psicologo? Per la tua pubblicità Clicca Qui

Questo sito fa uso di cookie. Per saperne di più leggi l'informativa

OK